Digital Marketing: 4 strategie (senza spendere un patrimonio)

Chi l’ha detto che per fare pubblicità su Internet bisogna spendere un patrimonio? Entrepreneur ha realizzato una lista di strategie di Digital Marketing low cost. Vediamone alcune.

Il Digital Marketing è fatto di tante cose: SEO, social media, banner, landing page e quant’altro. Di sicuro, diversamente da quanto accadeva qualche anno fa, sta maturando l’idea che non si tratta di uno strumento completamente gratuito, ma che richiede investimenti anche importanti e, soprattutto, professionalità ed esperienza.
Non è detto, però, che le campagne su Internet debbano valere milioni. Entrepreneur, una delle riviste di business più nota negli Stati Uniti, ha stilato una lista di strategie di Digital Marketing che non richiedono budget milionari. Eccone alcune.

Remarketing cross-channel

In cosa consiste il remarketing? Detto in parole povere, se un potenziale consumatore ha visitato il tuo sito web o ha utilizzato la tua app, puoi riproporgli i tuoi annunci mentre naviga altrove. In genere, questo tipo di attività viene effettuata su un singolo canale: se il cliente potenziale ha già cliccato su una tua campagna AdWords, per esempio, i tuoi messaggi promozionali saranno riproposti sulla stessa piattaforma.

Entrepreneur propone qualcosa di diverso: il remarketing cross-channel, e cioè l’utilizzo di più canali per trasmettere un annuncio, indipendentemente dalla piattaforma su cui il cliente l’ha visto per la prima volta.

Un esempio chiarificatore: un utente web clicca su un annuncio AdWords, ma non acquista nulla. Alla stessa persona puoi riproporre la promozione anche con una pubblicità su Facebook. In questo modo puoi sfruttare in maniera combinata le potenzialità di canali diversi (Facebook e Google), facendo leva su registri e stimoli diversi.

Instagram

Gli ultimi aggiornamenti di Instagram, consentono alcune novità nella gestione degli ads: innanzitutto, non è più necessario avere un profilo sul social per immagini, è possibile infatti gestire tutto via Facebook. In più, attraverso gli Instagram ads è possibile linkare direttamente landing page e siti web, senza il filtro di un profilo Instagram: un’ottima possibilità per sfruttare le centinaia di opzioni di targettizzazione messe a disposizione da Facebook.

Mobile

In genere, le pubblicità su mobile costano meno di quelle per desktop. Entrepreneur consiglia di considerare questa possibilità: dirottare buona parte del budget per il Digital Marketing su annunci tagliati specificamente per mobile, soprattutto su Google e Facebook. D’altronde, l’abbiamo visto più volte: gli smartphone e i loro utenti dovrebbero essere il centro di qualunque campagna pubblicitaria su Internet.

Google Smart Goals

Qual è la cosa più importante per qualunque attività di Digital Marketing? Vendere. Potrà sembrare banale, ma non lo è. Un’analisi dei tassi di conversione è fondamentale, anche se in molti lo dimenticano. Se non sai quali strumenti funzionano e quali no, allocare il tuo budget per il marketing diventa una roulette russa. La soluzione proposta è quella di ricorrere a Google Analytics’ Smart Goals, uno strumento che raccoglie dati sui visitatori del sito, creando una sorta di “acquirente ideale”, una figura virtuale composta dai comportamenti e dagli interessi medi dei tuoi clienti. In questo modo, Google mostrerà automaticamente i tuoi ads alle persone che più probabilmente compreranno i tuoi prodotti. Bello, no?

(Photo Credit: Steven Depolo on Flickr)

Tags: , , , , , , ,

Commenti